Arcano Maggiore 2- La Papessa

Arcano Maggiore dei Tarocchi n.2

La Papessa

Il Significato dell’Arcano Maggiore dei Tarocchi “La Papessa” racchiude il concetto di ‘mistero’ per eccellenza. Invita al silenzio interiore per raggiungere lo stato di consapevolezza pura.

L’Arcano Maggiore la Papessa, rappresenta la saggezza, la personificazione del mistero e dell’energia pura. La Papessa è l’Arcano Maggiore dei Tarocchi definito del ‘binario’ che dipende dalla coscienza, dall’attività spontanea e dalla sua riflessione. Si fa riferimento, qui, alla sua valenza numerica che è 2. La Papessa è l’Arcano della trasformazione dell’atto puro, in manifestazione, dalla manifestazione in  immagine come memoria, dall’immagine come memoria in parole, dalla parola in carattere scritto come tradizione tramandata. In altri termini la carta della Papessa, ci dice che il pensiero, veicolato correttamente, può raggiungere la sua maturità, fornendoci, a processo avvenuto, una vasta gamma di spunti come esperienza, dalla quale attingere in caso di necessità.Arcano Maggiore n° 2-La Papessa  Si tratta di meditare sulle nostre esperienze, sugli eventi della nostra vita, avendo cura di utilizzare la saggezza che, l’Arcano dei Tarocchi n° 2, esprime in modo chiaro nella simbologia della carta. Esaminiamo i simboli di questa carta dei Tarocchi. La Papessa indossa una tiara a tre piani e tiene un libro sulle ginocchia. La tiara è tempestata di pietre preziose e suggerisce l’idea che è in tre tappe che, il processo di consapevolezza, discende attraverso i tre piani della coscienza (formulazione del pensiero, comprensione del pensiero, trasposizione del concetto nella realtà),  prima di arrivare alla quarta tappa: la sua manifestazione consapevole. La carta della Papessa, quindi, rappresenta la tappa della discesa del pensiero, della riflessione, della rivelazione. Il  pensiero, dopo il piccolo cerchio superiore della sua tiara,  è sceso fino al libro aperto sulle sue ginocchia, che indica la ‘conoscenza’, l’aver compreso. La postura della carta della Papessa, pertanto, è in accordo con il suo ruolo: essa è seduta. Questa posizione indica il metodo pratico della Gnosi, espresso attraverso il significato dei simboli sulle carte dei Tarocchi. Mentre il Mago è in piedi e operativo cioè “osa”, la Papessa è in  meditazione, seduta e “sa”. La trasformazione da “osare” in “sapere”, comporta questo cambiamento di posizione dal Bagatto, o Mago, alla Papessa. Secondo l’interpretazione Kabbalistica, la seconda carta degli Arcani Maggiori, corrisponde alla seconda lettera dell’Alfabeto Ebraico: BEIT lettera ebraica Beit che significa “casa”. La Beit in ebraico, è considerata l’archetipo di tutti i recipienti. La sua forma grafica mostra un ideogramma che ha il sopra, il sotto, e il lato destro chiusi, mentre il lato sinistro è aperto. Da questo lato, secondo la Kabbalah, provengono le forze negative. La Beit è aperta a sinistra per dare la possibilità al male di esistere e quindi consentire anche alla libertà di scelta, di poter essere richiamata, ovvero il ‘libero arbitrio’. Ancora una volta troviamo la dualità come dicotomia tra bene e male. Se la Alef , abbinata all’Arcano Maggiore n°1, il Mago, è la lettera dell’energia creatrice, la Beit, associata all’Arcano Maggiore n° 2 la Papessa, è la creazione stessa che incomincia con l’atto di libera scelta, la libertà di scegliere la luce dell’intelletto.

Potete acquistare la Monografia dell’Arcano Maggiore La Papessa, su Amazon, cliccando sulla copertina del libro o su questo link: http://amzn.to/2kLyZQy

Se volete acquistare il formato per Android e Tablet la trovate qui:

http://bit.ly/papessagooglebooks

Se invece volete acquistare la monografia per iPad e per iPhone potete cliccare qui: http://bit.ly/papessaitunes

arcano-maggiore-la-papessaSe desiderate la versione epub potete trovarla qui:

http://bit.ly/papessastreetlib

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

73 − = 72

*