Le Carte

Le Carte dei Tarocchi

Le Carte dei Tarocchi devono essere comprese tanto nel loro insieme quanto nei loro particolari.

Abbiamo già accennato alla struttura del Mazzo dei Tarocchi. È composto da 78 carte, suddivise in 22 Arcani Maggiori e 56 Arcani Minori.

Tutte e 78 le Carte sono interconnesse; legate tra loro dall’interdipendenza della “causa-effetto”, sono in grado di guidarci attraverso la riflessione e possono stimolare la nostra parte creativa nel trovare le soluzioni che ci occorrono. Ogni Lama, così viene anche chiamata la Carta, appartiene ad un elemento tra i quattro: Aria, Acqua, Terra, Fuoco. Come impareremo tra poco, sia negli Arcani Maggiori come negli Arcani Minori, l’elemento di appartenenza della Carta ci guida a capire di quale situazione stiamo parlando, all’interno di una stesura di Carte.

L’elemento Aria, riguarda i “pensieri”, le “riflessioni interiori”; l’elemento Acqua riguarda le “emozioni”, le “pulsioni profonde”, “l’affettività”, “l’amore”; l’elemento Terra si lega a tutto ciò che è “materiale”, al “denaro”, alla “fecondità”, alla “ricchezza”, alla “affidabilità”; e poi c’è l’elemento Fuoco, legato al “pensiero veloce”, alla “forza”, al “coraggio”, alla “passione superiore”, “all’ardimento”.

Una precisazione importante: i Tarocchi non hanno come fine primario la divinazione. Senza dubbio, la divinazione è una delle molteplici forme di questa disciplina esoterica ma non è sicuramente la più importante. L’arte di prevedere il futuro, così come è conosciuta oggi, prende il nome di Cartomanzia, parola composta dai termini greci “carta” e “manteìa” che significa, appunto, divinazione. Durante lo scorrere dei secoli, questa mantica ( disciplina esoterica), è degenerata al punto da produrre lo scenario odierno.Il Mago negli Arcani Maggiori dei Tarocchi

Ovunque, oggi, quando si parla di Tarocchi e Analisi Tarologica, si attiva un meccanismo di sfiducia e a volte di repulsione, causato proprio da questo errato modo di esercitare la disciplina esoterica della lettura dei tarocchi. La lettura dei Tarocchi è stata stravolta, vilipesa e mercificata al punto da causarne deviazione e degrado, compromettendo la reputazione stessa di  questo bellissimo percorso di consapevolezza. Date le circostanze, non è quindi strano che i Tarocchi siano guardati con diffidenza e timore.

Per questo motivo, il sito “Significato dei Tarocchi”, vuole portare luce su questo argomento, di cui parleremo più dettagliatamente in altri articoli, poiché vuole restituire la precisione, il senso logico ed anche l’aspetto metafisico/filosofico proprio di ogni carta che compone un mazzo di Tarocchi. Che si voglia chiamare rispetto per la tradizione Ermetica o fedeltà al simbolismo degli Archetipi, l’importante è che il lettore comprenda che lo studio degli Arcani Maggiori dei tarocchi è un “sentiero di consapevolezza”. Perché è di questo che  stiamo parlando.

E’ un cammino fatto di tappe, appunto i 21 Arcani Maggiori, attraversando i quali il viandante e cioè la carta con Numero Zero, il Matto, si incammina verso il Mondo (la carta Numero 21), puntando lo sguardo sempre al cielo, impegnandosi e cercando di raggiungere una totale realizzazione. Proseguiamo con lo studio di questo splendido strumento conoscitivo: Gli Arcani dei Tarocchi.

Ricerche per questo contenuto: